airNews

La comparsa di formicolio a livello delle prima quattro dita della mano è fortemente indicativa di una sindrome del tunnel carpale. Il sospetto può essere avvalorato dalla esecuzione di alcune semplici manovre semeiologiche. Una delle più note è Il test di Phalen.

Si tratta di una manovra finalizzata ad evocare la comparsa delle tipiche parestesie a livello delle prime quattro dita nei soggetti con sindrome del tunnel carpale. Nella originaria descrizione il test viene eseguito chiedendo al paziente di appoggiare il gomito sul tavolo, lasciando letteralmente cadere la mano per gravità in posizione di flessione per un minuto. Il test di Phalen può essere eseguito anche con manovre di flessione attiva da parte del paziente o dell’esaminatore. Con queste modalità si registra tuttavia un incremento dei falsi positivi rispetto alla manovra originaria. Il test di Phalen determina un aumento della pressione a carico del nervo mediano e del nervo ulnare a livello del polso. Il test è positivo se la sintomatologia parestesica compare entro un minuto. Il test deve invece considerarsi negativo quando non si manifesta alcun sintomo evocativo di neuropatia da compressione del nervo mediano nell’arco di tre minuti dopo la sua esecuzione. La comparsa di parestesie a livello del IV e V dito è indicativa di una irritazione del nervo ulnare a livello del canale di Guyon.

La sensibilità del test di Phalen varia tra il 40 e l’88% dei casi con una specificità dell’80%. La sua specificità aumenta quando i sintomi si manifestano nei primi 30 secondi. Una falsa positività si registra nel 20% dei casi.