airNews

La capillaroscopia consiste nella osservazione in vivo delle caratteristiche morfostrutturali e funzionali del microcircolo. Lo studio "in vivo" del microcircolo in Reumatologia viene effettuato prevalentemente a livello della cute periungueale. Ciò si deve al fatto che in tale distretto l'asse maggiore dei capillari è parallelo rispetto alla superficie cutanea, mentre a livello delle altre aree cutanee  i capillari hanno un decorso perpendicolare al piano cutaneo.

Questa osservazione può essere effettuata con strumenti diversi. Anche la semplice osservazione attenta a occhio nudo delle caratteristiche della plica ungueale può costituire un primo esame capillaroscopico e si possono cogliere in alcuni casi elementi di rilevante valore indiziario ai fini di una prima diagnosi capillaroscopica, quando siamo in presenza come in questo caso di una microangiopatia conclamata. Si notano infatti numerosi depositi di emosiderina nella cuticola ispessita interpretabili come esiti di microemorragie e/o trombosi di capillari. Sono evidenti inoltre capillari ectasici ed una discreta irregolarità di distribuzione dei capillari lungo il margine periungueale. Come ulteriore dettaglio si può notare una emorragia fliforme sub-ungueale di non rara osservazione in pazienti con microangiopatia sclerodermica, anche se riveste significato aspecifico.